L’Alto Tevere vive oggi una nuova era alieutica.

Una provvidenziale combinazione di fattori ha reso possibile la rinascita del fiume.

La Diga di Montedoglio con i suoi rilasci di acqua a 5°C, la eccellente gestione della Tail Water Tevere di S. Sepolcro, l’attività del Fishing Club Alto Tevere Umbro associato Arcipescafisa Umbria e le misure di tutela ittica della Provincia di Perugia e Regione Umbria.

L’acqua costante a bassa temperatura, il polmone di tutela e ripopolamento della TWT ed il controllo del FCATU hanno sviluppato nel fiume una cospicua popolazione di pesci pregiata. Trote  e temoli che si aggiungono ai già presenti cavedani e barbi.

Nel 2008 la Provincia di Perugia, su iniziativa del Mosca Club Altotevere, ha istituito un tratto di divieto di pesca di circa 2 Km a monte e a valle del ponte di San Giustino in Provincia di Perugia, al confine con la Regione Toscana.

Nel 2011 sempre la Provincia di Perugia ha istituito nel 2011 il tratto No Kill attuale, che va dal ponte di San Giustino fino al ponte della E45 di Città di Castello.

 


 

NOVITÀ

Il Fishing Club Alto Tevere Umbro nasce formalmente nel gennaio 2016, dopo un lungo periodo di frequentazione e impegno per il fiume Tevere, in particolare nel tratto No-Kill.

La consapevolezza del valore del fiume, ci ha spinto ad intraprendere azioni di protezione e controllo passando da un semplice gruppo di appassionati, ad una collaborazione associativa.

Lo spirito volontaristico ed entusiastico, e la qualità della zona di pesca, ha progressivamente ampliato il gruppo iniziale locale che ad oggi è esteso ad appassionati delle regioni confinanti.


La principale attività che si intende svolgere è il controllo del fiume, la cura e la manutenzione delle sponde, la divulgazione della filosofia del catch&release e la conoscenza del tratto ad altri amici pescatori.
Siamo uniti dalla passione della pesca a mosca in particolare, ma anche delle esche artificiali in genere ritenendo queste tecniche le più efficaci ai fini di una pesca sostenibile e rispettosa dell’ ambiente.

 

EVENTI

05 Marzo 2017:   Open Day  Tecniche di lancio & Costruzione

02 Aprile 2017: Biondo Tevere 2017 Giornata di pulizia del fiume

Maggio 2017 :  Open Day  “La pesca a Mosca inP(i)azza”  (data da definire)

Settembre 2017: Lotteveria 2017  Lotteria di sostegno alla gestione del tratto (data da definire)

 

REGOLAMENTO SPECIFICO (ESTRATTO)

Regolamento:

  • Nel tratto è consentita la pesca solo con amo singolo privo di ardiglione o con ardiglione preventivamente schiacciato.
  • Nel tratto è fatto divieto di utilizzo e detenzione della larva di mosca carnaria (bigattino).
  • Nel tratto è obbligatorio rimettere in acqua il pesce catturato senza arrecargli danno e nel minor tempo possibile.
  • Non è ammesso portare al seguito pesce anche se catturato in altro luogo.

Stagione di pesca:

  • Il Tevere No-Kill, essendo appartenente alle acque di categoria "B", non subisce interruzioni della stagione di pesca

Permessi:

  • Nel Tevere No-Kill è consentita la pesca senza alcun permesso aggiuntivo alla regolare licenza per acque interne.
  • Se anche tu ritieni che il fiume abbia bisogno di aiuto per continuare a regalarci emozioni, puoi contribuire attraverso un contributo volontario o iscrivendoti al Fishing Club Alto Tevere Umbro cliccando qui oppure rivolgendoti ad uno dei membri del direttivo che quotidianamente transitano lungo le sponde del fiume. Per aiutarci inoltre a monitorare le presenze sul tratto, puoi comunicarci preventivamente la tua presenza attraverso i mezzi a disposizione nel sito.

Raccomandazioni:

  • Pur rispettando la maggior parte delle tecniche ed essendo queste consentite nel tratto, previo l' uso di amo senza ardiglione o con ardiglione schiacciato ed il rispetto del divieto di utilizzo di larva di mosca carnaria (bigattino), quelle che riteniamo più idonee ai fini di una pesca sostenibile ed il più possibile rispettosa dell’ ambiente, sono le tecniche che utilizzano esche artificiali, con particolare predilezione verso la pesca a mosca. Invitiamo per tanto gli amici pescatori a praticare o magari sperimentare su questo tratto di fiume tali tecniche, che potrebbero risultare piacevoli e divertenti al pari delle altre e di certo arrecherebbero un danno minore alla popolazione ittica. Confidando sul fatto che ci lega la stessa passione per la pesca, siamo certi che comprenderete il nostro punto di vista e vi invitiamo ad avere la massima cura del pesce catturato.

Comportamenti:

  • Il fiume è di tutti, per tale motivo è raccomandato l'uso del buon senso nel caso si incontrino altri pescatori; Evitiamo rumori eccessivi e schiamazzi, consigliamo di assicurarsi inoltre, prima di entrare in acqua, che sul tratto che si intende percorrere non ci sia qualcun altro che ha  già avuto la vostra stessa idea, in tal caso è sufficiente spostarsi a monte o a valle di 150/200 metri, magari dopo essersi consultati con il "collega" incontrato, dopo tutto potreste trovarvi a parti invertite! La lunghezza del tratto Tevere No-Kill e la presenza di una notevole quantità di prede, consente a tutti di trovare il proprio spazio di pesca.

 

COME: Nel tratto è possibile pescare con la tecnica della pesca a mosca sia secca che ninfa, con la tecnica dello spinning (cucchiaino) ed esche naturali ad eccezione del bigattino

La tecnica più redditizia in termini di catture in ambito pesca a mosca è quella con canna corta (7,6'') per code leggere, oppure la pesca a ninfa con una misura di canna contenuta entro i 9 piedi. 

 

DOVE: Il Tevere no kill si estende nei Comuni di Città di Castello e San Giustino. Dalla E45 si può accedere attraverso le uscite Città di Castello nord, Selci Lama e San Giustino

 

 QUANDO: La pesca è sempre aperta. Nel tratto sono vigenti un divieto di pesca dal 01.05. al 30.06 di ogni anno per tutela della riproduzione dei ciprinidi e due tratti di Zone di Protezione con divieto di pesca permanente. Sono opportunamente tabellati ed indicati nella mappa.

 

 

DOMANDE E RISPOSTE (FAQ)

  • Di quali documenti ho bisogno per pescare  nel Tevere No Kill?

Per pescare nel Tevere hai bisogno della Licenza di pesca non scaduta ed un documento di identità.

  • Come è diviso il tratto?

 TRATTO GIALLO: Dal ponte della SP100 (ponte di San Giustino) a Valle Ranucci. Lunghezza 1,4 Km c.ca

TRATTO ARANCIONE: Da Valle Ranucci al torrente Lama. Lunghezza 1,7 Km c.ca

TRATTO VERDE: Dalla confluenza con il torrente Lama (sponda sx) a scendere fino al fosso della depressione (della strada). Lunghezza 2,0 Km c.ca.

TRATTO ROSSO: Dalla confluenza del fosso della depressione fino alla confluenza (sponda dx) del torrente Cerfone (inizio divieto di pesca). Lunghezza 1,8 Km c.ca.

TRATTO NERO: DIVIETO DI PESCA dal torrente Cerfone a scendere fino al torrente Regnano (sponda sx).

TRATTO BLU: Dalla confluenza con il torrente Regnano (fine divieto di pesca) al torrente Vaschi (sponda sx). Lunghezza 1,9 Km c.ca.

TRATTO ROSA: Dalla confluenza con il torrente Vaschi a scendere fino al ponte della superstrada E45. Lunghezza 1,3 Km c.ca.

LUNGHEZZA TOTALE (compreso divieto) 11 km c.ca.

Nel tratto GIALLO (ex divieto) il fiume presenta caratteristiche prevalentemente torrentizie con rapide correntine e giri d‘acqua generati dagli ostacoli presenti nell’alveo del fiume. I rami degli alberi, soprattutto nel tratto medio basso che presenta corrente e profondità più o meno uniformi, si sporgono fin sopra al letto toccando in alcuni casi il pelo dell‘acqua cosi da creare numerosi spot tra anfratti ed insenature. il tratto è facilmente percorribile tuttavia gli accessi sono limitati.

Nel tratto ARANCIONE il fiume continua ad essere relativamente stretto, il flusso d’acqua rimane pressoché invariato ed il carattere resta torrentizio tuttavia, la caduta di alberi ha trasformato la conformazione del fiume creando stretti passaggi e buche relativamente profonde, escludendo il tratto sotto il ponte della strada provinciale che porta a Lama, questo presenta un profonda buca, preceduta da una piana d’acqua lenta che termina con una piccola cascata. Il tratto è facilmente percorribile tuttavia in alcuni punti è necessario uscire dall’acqua.

Il tratto VERDE presenta rare buche e piane con correnti a varia rapidità, le difficoltà maggiori sono dovute alla caduta di alberi che in alcuni tratti rendono difficoltosa la risalita, per il resto è facilmente percorribile.

Il tratto ROSSO mantiene un aspetto prevalentemente torrentizio, si presentano più frequenti lame di media larghezza e con profondità relativamente bassa, così come le buche. Il tratto è facilmente percorribile.

I tratti BLU e ROSA hanno caratteristiche simili, in questi tratti il fiume è abbastanza ampio e assume caratteristiche da fiume di fondo valle, con ampie lame ad altezza costante dovute alla diminuzione della pendenza e frequenti buche anche profonde, alcune non transitabili in acqua. Vi sono comunque nei cambi di pendenza diversi raschi e raggi. Il flusso maggiore d’acqua é dovuto all’apporto del torrente Cerfone e di altri affluenti minori. Nel periodo invernale/primaverile in presenza di alti livelli entrambi i tratti si presentano abbastanza difficoltosi da percorrere. Dopo le piogge difficilmente i due tratti sono pescabili perché il Cerfone raccoglie l’ acqua di una vallata con molti campi e diventa facilmente torbido causando spesso una velatura dell’ acqua anche quando sopra è limpidissimo.

  • Chi posso chiamare per pronto intervento?

Numeri cellulari vigilanza Corpo Forestale : +39 335 5955608

Numeri cellulari vigilanza FCATU : +39 335 5753954

  • Chi posso chiamare per conoscere le condizioni del fiume? Livelli? Torbidità?

Numeri cellulari vigilanza FCATU : +39 335 5753954

  • Ci sono dei giorni di chiusura della pesca?

No

  • Dove posso parcheggiare l'auto?

Lungo le sponde del No-Kill sono presenti a tratti alcune strade che non sono tuttavia tutte percorribili con mezzi a motore. Appositi cartelli segnalano i divieti.
La sosta od il transito all’ interno dei suddetti divieti sono soggetti a sanzione amministrativa.

 

INFORMAZIONI TURISTICHE DEL TERRITORIO

http://www.cittadicastelloturismo.it/it/

 http://www.comune.sangiustino.pg.it/?rubrique9

 

 

MANGIARE E DORMIRE 

B&B Casa delle botti
Voc. S.Pietro, Celle, Lerchi
06010 - Città di Castello (PG)

Agriturismo il Sasso:
Località San Lorenzo, 38
52031 Anghiari (AR)

B&B  Il Biribino 
Via Sant'Ansano 38
06012 Città di Castello (PG)
web: 
 Monastery Guest House – Umbria

 


Inizio Pagina

Umbria Cuore NoKill
info@pescaumbrianokill.com

Il sito è attualmente in fase di sviluppo
Informazioni e contenuti verranno aggiunti in tempi brevi